BigHistorySite.com
   
Nota: Questa è una traduzione automatica. Ci possono essere inesattezze.
   

torna alla: pagina principale

Ritmo e la coscienza di sé nella mia vita 

da William McGaughey

Quando ero un bambino di cinque a dieci anni di età che vivono in Detroit, ho avuto un normale gamma di interessi. Sono andato a scuole di quartiere che non richiedono compiti a casa. Ho giocato softball in lotti liberi e gioco chiamato "mumbly-peg" o "anatra sulle rocce" nei cantieri e vicoli. Avevo un fratello vicino a me e gli amici circa la mia età con cui ho giocato. C'era poca pressione per fare qualsiasi cosa. Ero equilibrato nei miei interessi e le attività ed ero abbastanza felice.

Ma poi, all'età di dieci anni, i miei genitori mi hanno mandato in una scuola privata per ragazzi nel ricco sobborgo di Grosse Pointe, dove mi è stato introdotto per una vita più esigente. Lavoro rigoroso è stato assegnato per la prima volta. Essendo un ragazzo obbediente, ho preso a questo lavoro con tutto il cuore. Giudicato "più migliorato" tra 5 ° elementare, ho classificato numero uno nella mia classe nel 6 °, 7 °, 8 ° e gradi. Ho legato per prima nel 9 ° grado. Adulti mi ammiravano; miei coetanei, non tanto.

Poi, dopo un anno in una scuola pubblica del 10 ° grado, sono andato in un'altra scuola privata per i gradi 11 e 12, laureandosi nel 1958. Qui non ero più Number One accademico. Penso che avrei potuto al secondo posto nella mia classe nel mio ultimo anno. L'enfasi su accademici aveva spostato la mia attenzione, però. Non ero più socievole e spontanea, come mi era stato in precedenza nella mia vita, ma era diventato un uomo giovane laborioso focalizzata su quello che dovevo fare per avanzare me stesso. In posa come studente a tutto tondo, mi sono impegnato in alcune attività extrascolastiche. I miei voti e punteggi SAT, con un curriculum di attività extrascolastiche, erano abbastanza impressionante che sono stato ammesso a Yale.

Yale era ancora più impegnativo accademicamente. Non ero più uno studente top ma qualcuno classificato nel mezzo della mia classe. Ho preso un corso introduttivo di filosofia che ha catturato il mio interesse. La filosofia è stata una pura ricerca della verità, la più alta vocazione nella vita. Se non la carriera-saggio, volevo diventare un filosofo. Ho tenuto un diario di idee in cui ho scritto le mie idee. Questo registro di idee spontanee è qualcosa che ha continuato la mia vita. E 'stato il nucleo del mio lavoro di una vita.

Intorno secondo anno a Yale, ho iniziato ad avere dei dubbi fondamentali di me stesso, sia perché avevo infilato accademico e perché la mia attenzione su una sola causa accademici aveva causato me a perdere interesse in altri aspetti della vita. Questo significava che non ho avuto abbastanza amicizie. Non è che mi è stato cospicuamente privo di buone maniere, ma che non ero più fiero e sicuro. Ero un libro verme cresciuto stantio, privo di altre esperienze. Per questo motivo, ho deciso di soddisfare il mio impegno militare prematuramente per sperimentare il mondo reale. Ho lasciato Yale nel bel mezzo del mio primo anno, di riprendere i miei studi universitari, due anni dopo. Rifiutato da parte dell'esercito, ho vissuto in Germania occidentale per un anno. Ma il mio obiettivo principale in questo periodo è stato sulle idee.

Un'idea che era diventato importante per me, mentre uno studente di Yale è che il successo nella vita, soprattutto nel mondo accademico, dipende il grado di concentrazione di una persona. Se mi sono concentrato sui miei studi, vorrei fare rapidi progressi accademico. Attraverso la concentrazione mentale, potrei riconquistare una posizione di tutto rispetto nella mia classe.

Tuttavia, questo è diventato più un problema filosofico che personale. Ho deciso di tagliare me sciolto dalla concorrenza accademica. Una volta, quando un professore accidentalmente classificato troppo bassa me, ho deciso di non portare l'errore la sua attenzione per ottenere il grado superiore meritata. Gradi non sarebbero più che importante per me, ho ragionato. Vorrei prendere il controllo della mia vita e la mia autostima.

Torna alla filosofia di concentrazione. La concentrazione non è qualcosa che può essere deliberatamente raggiunto. Se cerco di concentrarmi di più, sto davvero perdendo il grado di attenzione richiesto. La concentrazione è, invece, l'assenza di influenze estranee. Si tratta di uno stato naturale di concentrarsi duro su un oggetto o un compito da svolgere.

Avevo concentrazione quando sono diventato un serio studente nelle classi 5 ° e 6 °. Ero sinceramente interessato alle materie insegnate a scuola e fatto ogni sforzo per imparare a giocare e ricordo che cosa ho bisogno di sapere per i test. Ma col passare del tempo, questo tipo di vita è diventato stantio. Ho perso il mio interesse primario nei soggetti a scuola. Ho cominciato a preoccuparsi di tenere il passo accademico; e così ho perso la mia concentrazione.

Il termine che ho usato per l'assenza di concentrazione è stato "autocoscienza". Certamente vi è stato l'elemento di pensare a me stesso. Ma ha coinvolto anche una distinzione tra modi di pensare. La coscienza è stato incentrato sugli elementi interni di una situazione e di presa di coscienza della loro. L'autocoscienza è stato incentrato sulla atto del pensare. E 'stata la consapevolezza di cercare di migliorare le prestazioni, piuttosto che su di performance stessa. Pensiero stava guardando se stesso piuttosto che gli elementi interni di una situazione esistente nel mondo. L'autocoscienza, nel mio lessico, è stato "pensiero pensato".

Il risultato di eseguire una routine con concentrazione pura era qualcosa che ho chiamato "ritmo". Se un atleta o un musicista divenne "perso" in atto di esecuzione e lasciare abitudine portare i movimenti lungo nel modo previsto, era concentrato completamente sulla performance. Questa mentalità ha dato luogo alle migliori prestazioni. L'esecutore era in uno stato di perfezione ritmica. D'altra parte, se l'esecutore fu distratto da altri pensieri quali come portare una migliore tecnica a sopportare in particolari situazioni, poi la concentrazione verrebbe perso e la sua prestazione non sarebbe così buona.

Personalmente, ero diventato un filosofo più di un esecutore. La mia autostima ora è stato collegato con le intuizioni che avevo riguardo ritmo e la coscienza di sé, piuttosto che con padronanza particolari routine prestazioni. Quindi, in un certo senso, ho perso l'ansia che avevo di fare progressi come studente o, in seguito, come un dipendente in una carriera. Finché le mie idee continuavano a fluire e sono state svalutate adeguatamente in un giornale, ero convinto che stavo realizzando il mio più alto potenziale.

La mia ambizione era quella di scrivere un libro messo insieme da questi pensieri filosofici. Dopo tanti anni, sono riuscito a produrre un manoscritto che coerentemente organizzato le varie idee sul mio taccuino idea. E 'stato auto-pubblicato nel 2001 con il titolo "Rhythm and Self-Consciousness:. Nuovi Ideali per una civiltà elettronica" Questo libro soddisfatte una parte importante del mio lavoro vita, anche se questo significava poco per la gente nel mondo accademico o altrove.

L'idea di autocoscienza continuato a svilupparsi. Alla fine, questo è venuto a significare una reazione al precedente attività cosciente. Ho immaginato un mondo, come Hegel, dove ogni pensiero cosciente, se materializzato ed era quindi visibile nel mondo, è diventato un oggetto a cui altre persone coscienti potrebbero reagire. In altre parole, la coscienza di sé non era la consapevolezza di sé solo la mente di controllo, ma il prodotto di un pensiero precedente, che è diventato un nuovo elemento interno in mente in grado di dare origine a nuovi pensieri, né da parte del pensatore originale o qualcun altro.

Ho cominciato a percepire una dinamica di storia basata su tali meccanismi. L'autocoscienza underlay stato mutevole della società come istituzioni-pensiero guidato sviluppato ed è diventato potente, provocando una reazione da altre forze coscienti. C'era una ecologia di forze coscienti, alimentando a vicenda, e dando vita a nuove istituzioni.

A proposito di questo tempo, ho pubblicato un altro libro dal titolo "Cinque Epoche di Civilizzazione", che ha presentato la storia del mondo in termini di cinque "civiltà", o configurazioni della società e della cultura, che si sono succedute nel corso degli ultimi cinque o 6000 anni . Il sistema prevede l'idea di civiltà successive, che salivano e scendevano. E 'stato ispirato dal pensiero storico di Oswald Spengler e Arnold Toynbee, che aveva abbracciato l'idea di una dinamica interna che ha guidato lo sviluppo delle civiltà.

Ma l'idea che le civiltà sono sottoposti a cicli di vita organica è estraneo agli storici associati con la World History Association, che, ispirato da William McNeill, tendono a pensare che le civiltà cambiano attraverso il contatto con altre società o, seguendo lo schema di Jared Diamond, vengono distrutti da influenze esterne tali come guerre, carestie, o malattie. Trovo l'idea che il successo porta successivo fallimento più convincente come spiegazione per l'aumento e la caduta delle civiltà che le spiegazioni meccanicistiche per tali eventi.

Il concetto di autocoscienza spiega quindi perché i giovani, le organizzazioni non sviluppate successo mentre burocrazie ricche e mature falliscono. Nelle loro prime fasi, le organizzazioni si concentrano su un particolare scopo - diciamo, portando un particolare prodotto commerciale al mercato. Hanno successo perché hanno l'intensità di concentrazione associata a puro pensiero "cosciente". Nei loro fasi successive, le organizzazioni stesse diventano un centro di attenzione. Diventano "pentole d'oro" o accumuli di potere che sono attraenti nel loro diritto.

Una volta che l'organizzazione si è riuscito a soddisfare le sue finalità originarie, diventa una presenza mondana a cui gli altri possono reagire. Ci sono poi lotta per la leadership di queste organizzazioni per il bene di ricchezza personale, il potere, il prestigio e invece di costruire l'organizzazione stessa. Ci sono anche outsider invidiosi o avidi che sfidano l'organizzazione e talvolta riescono a indebolire o distruggerlo. Poi un'altra cosa arriva come una sostituzione. Questa è la fase del pensiero auto-cosciente; è la coscienza che agisce alla luce di una coscienza precedente che è diventato pienamente sviluppato.

Nei capitoli successivi del mio libro, Rhythm and Self-Consciousness, ho sviluppato l'idea di un mondo logico puro chiamato "Urweg" (il modo originale) che è alla base di tutte le attività in questo mondo. E 'come ci comporteremmo se rilasciati in un mondo senza alcuna storia inibizione precedente. Vorremmo agire in modi diretti per soddisfare fisico immediato e altre necessità. Tuttavia, le forze di lavoro autocoscienza per rendere il mondo più subdola.

Dopo l'uomo si allontana la ritmica "Giardino dell'Eden", per così dire, la vita diventa più complicata perché le persone reagiscono a ciò che gli altri hanno fatto. Non è più possibile intervenire in modo semplice e diretto. I modelli emergenti di attività mostrano una preoccupazione di come altri hanno reagito o potrebbero reagire. Uno ha bisogno di un senso del pensiero dell'altra persona per sapere cosa fare in una determinata situazione.

Ho sviluppato anche il sistema di "navette dialettiche" che coinvolge due menti coscienti opposte interesse cercando di raggiungere una decisione. Un caso classico sarebbe il generale americano Dwight Eisenhower cercando di decidere dove l'invasione dell'Europa dovrebbe avvenire - a Calais, la via più diretta, o in Normandia, dove beneficerebbe l'elemento di sorpresa se i tedeschi pensavano che avrebbe attaccato a Calais. L'avversario generale, Erwin Rommel, sarebbe stato occupato con preoccupazioni simili, cercando di indovinare Eisenhower.

 Quando ho spiegato questo concetto a mia madre, lei si avvicinò con un esempio ancora migliore: Due donne si avvicinano un modo porta stretta da direzioni opposte, ognuno cercando di evitare l'altra. Ci si muove a destra, ma l'altro fa, anche. Poi entrambi si muovono verso l'altro lato, di nuovo in conflitto tra loro. Infine, attraverso la fortuna sfacciata, che capire come muoversi tra di loro.

E così, la coscienza di sé diventa un meccanismo logico di pensiero basandosi sulle pensiero che spiega le pratiche che esistono nel mondo di oggi. In origine, avevo concepita come una influenza di distrazione nella mente cercando di realizzare il ritmo. Ritmo rimane un puro, lo stato d'animo innocente in quanto si concentra su un particolare insieme di elementi interni al pensiero e lascia abitudine ben curato, piuttosto che il pensiero stesso portare le prestazioni lungo alla perfezione.

  torna alla: pagina principale             to: agli scritti filosofici e di analisi

 

  

Scattarsi per una traduzione di questa pagina in:

Spagnolo - Tedesco - Inglese - Francese - Portoghese
Cinese semplificato - Indonesiano - Turco - Polacco - Olandese

 


COPYRIGHT 2015 PUBBLICAZIONI di THISTLEROSE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

http://www.BilMcGaughey.com/concentrationf.html